Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/torredeg/public_html/quartabozza/wp-settings.php on line 520

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/torredeg/public_html/quartabozza/wp-settings.php on line 535

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/torredeg/public_html/quartabozza/wp-settings.php on line 542

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/torredeg/public_html/quartabozza/wp-settings.php on line 578

Deprecated: Function set_magic_quotes_runtime() is deprecated in /home/torredeg/public_html/quartabozza/wp-settings.php on line 18
La quarta bozza

Main Content RSS FeedUltimo post

Potterologia: due appuntamenti live e il primo concorso

potterologia-copertina1

Continuano le iniziative speciali in vista dell’uscita di Potterologia, la raccolta di saggi su Harry Potter a cui partecipo anch’io. Ecco il comunicato stampa delle prossime iniziative, tra cui un concorso che mi pare interessante…

Il 25, 26 e 27 maggio prossimi, in occasione dell’Immaginaria Festival, presso il Palafiori di Sanremo (IM) e il 3 giugno, in occasione dei ‘Delos Days 2011‘, presso la Casa dei Giochi, Via Sant’Uguzzone 8, Milano, si terranno le presentazioni in anteprima del volume Potterologia: dieci as-saggi dell’universo di J.K.Rowling.

Si tratta di un’antologia di saggi sul mondo di Harry Potter in uscita il prossimo 3 ottobre, messa a punto da 10 esperti italiani della materia e preordinabile a prezzo scontato fino al 30 giugno. Le royalty del diritto d’autore saranno interamente devolute all’associazione Theodora, che assiste i bambini ospedalizzati attraverso la clown-terapia. Preordinando il volume si avrà la possibilità di vedervi stampato il proprio nome in qualità di Ambasciatore del Sorriso.

Contestualmente, l’editore Camelopardus lancia il primo dei quattro concorsi legati al libro, mettendone in palio una copia per ciascun vincitore. La prima prova consisterà nella redazione di un elaborato della lunghezza massima di due cartelle, da inviarsi entro il 15 giugno prossimo, sul tema ‘Un ‘esperienza meravigliosa che non avrei vissuto senza Harry Potter’. Può trattarsi ad esempio della nascita di un’amicizia, di un amore, di una riappacificazione con qualcuno, di una ritrovata passione per la lettura, della nascita della voglia di scrivere…

Gli elaborati saranno valutati dagli autori di Potterologia e il vincitore, oltre a ricevere la copia omaggio non appena il volume sarà disponibile, sarà pubblicato sul blog dell’antologia.

L’indirizzo cui spedire gli elaborati è: info@camelopardus.it

Post recenti

In arrivo: Potterologia, dieci as-saggi dall’universo di Harry Potter

potterologia-copertina1

Eh sì, non sono stata proprio del tutto con le mani in mano, sul fronte potteriano, dal 2008 in qua.

Ho la fortuna di essere fra gli autori di una raccolta di saggi su Harry Potter, che uscirà il prossimo 3 ottobre e si intitola Potterologia.

Tutto il ricavato andrà in beneficenza, alla fondazione Theodora.

Qui tutte le informazioni, il comunicato stampa e i primi due booktrailer.

Qui il blog ufficiale del libro.

Per preordinare, ecco il sito dell’editore, Camelopardus.

Neanche vi sto a dire su cosa verterà il mio saggio… Altre informazioni nel prossimo futuro, comunque.

Potterologia esce il 3 ottobre 2011.

Camelopardus su Fantasy Magazine

logotr.gif

Uhm, rieccomi.

Questo posto (blog e sito) ha decisamente bisogno di una spolverata. Che arriverà a breve, insieme a nuove iniziative, ricchi premi e cotillon.

Intanto segnalerei questa intervista di Marina Lenti a Sara Saorin di Camelopardus, che – lo dico con grande orgoglio – è anche la mia casa editrice.

Così ora, se volete che diventi anche la vostra casa editrice, sapete come fare.

(Torno a tramare nell’ombra.)

Autopromozione (aka “Toh, dimenticavo, ho un blog”)

Intervista doppia, su Due Chiacchiere. Io e Maestro Alberto. Grazie a Camu.

Il marketing editoriale: “Come ti vendo un libro” (Milano, 11 maggio 2009)

“Quello che i critici scrivono non determina affatto la qualità del libro. E’ la storia che la determina: bisogna aspettare che siano morti l’autore, i critici, gli editori. Quando tutto è sedimentato si va a vedere cosa valeva e cosa non valeva, non prima. Non possiamo fidarci del parere di quattro signori per stabilire che cos’è qualitativo, le pare?”
– Gian Arturo Ferrari

EGvAbTc5Kn4c70twWnmKGCWso1_500.jpg

Si è svolto ieri pomeriggio a Milano, presso il Circolo della Stampa in Corso Venezia, l’incontro “Come ti vendo un libro: Meccanismi, segreti e bugie del marketing editoriale”. Sono intervenuti:

  • Gian Arturo Ferrari (direttore generale della divisione Libri del gruppo Mondadori)
  • Emilia Lodigiani (direttore editoriale Iperborea)
  • Gianni Biondillo, scrittore
  • Paolo Mauri (la Repubblica)
  • Stefano Bartezzaghi (sappiamo tutti chi è)
  • moderatore: Enrico Regazzoni (direttore Istituto per la formazione al giornalismo)

Ho preso qualche appunto, che riporto qui sotto in forma di agevole elenco puntato, nel caso interessi a qualcheduno.

Sul sito dell’IFG trovate i pdf dell’inchiesta sul marketing editoriale: interessante soprattutto l’intervista a Ferrari.

  • Lo scrittore è influenzato dalle ipotesi sulla vendibilità del libro che sta scrivendo? Biondillo risponde: se pubblichi è perché vuoi essere letto, non prendiamoci in giro. Il lettore non è stupido, il “lettore forte” sa riconoscere il buon libro, per quanto l’editore cerchi di propinargli roba che non vale niente. Biondillo era (ed è) un architetto, non conosceva nessuno nel mondo editoriale; un’amica gli ha detto che il suo libro valeva, e l’ha portato personalmente in Guanda: due settimane dopo il direttore, Brioschi, ha telefonato a Biondillo per proporgli la pubblicazione. “Una botta di culo clamorosa” commenta lui. I lettori sono molto precisi e attenti, contestano all’autore financo l’uso dei tempi verbali. L’autore deve rispettare i lettori che scelgono di dedicare il proprio tempo al suo libro anziché fare cose più divertenti, come fare sesso o andare al mare. Anche scrivere libri astuti e furbi è un’arte, ma non esistono formule bell’e pronte per i bestseller, i mezzucci non pagano. Lo scrittore non deve muoversi dal suo “stato di verità”, cioè deve essere sincero con se stesso e scrivere ciò che vuole, poi in qualche modo troverà i suoi lettori.

Continua a leggere…